Roobopoli: programma la città del futuro!

Che cos'è Roobopoli?

“Roobopoli è un progetto che mira alla realizzazione di un' esperienza educativa in ambito delle smart-city, smart-industry e smart grid, ed è sviluppato dall’Associazione no-profit Perlatecnica con il supporto tecnico di Bluenet

La missione del progetto Roobopoli

 Il progetto ha lo scopo di promuovere la comprensione, lo sviluppo e la sperimentazione in scala di nuove tecnologie della comunicazione, della mobilità, della salvaguardia dell’ambiente e dell’efficienza energetica, delle tecnologie di automazione in ambito di industria 4.0 .

Roobopoli: la città in miniatura

Roobopoli è una tiny smart city, una città in miniatura, dove la vita degli abitanti chiamati Roobo, è assistita da moderne tecnologie. Le stesse tecnologie che sono disponibili nelle città reali, ma riprodotte in scala a scopo educativo, di test e di simulazione.

Nell’ambito del progetto Roobopoli, una delle principali attività consiste nella costruzione e la programmazione di veicoli chiamati Roobokart, che dovranno muoversi autonomamente sulle strade di Roobopoli.

Il progetto assicura un’esperienza educativa per l’apprendimento della robotica e della programmazione dei microcontrollori di nuova generazione, che si va ad inserire nel contesto delle discipline STEAM, affrontando un tema attuale, quello dei veicoli a guida autonoma e delle città intelligenti.

Il Roobokart e la città sono provvisti di sensori avanzati e schede basate su microcontrollori di STMicroelectronics, che costituiscono, insieme agli altri strumenti adottati, un laboratorio utile a sperimentare quanto appreso in classe dai libri.

L'OFFERTA DI PAIDEA

Paidea dispone di 2 formatori certificati che sono autorizzati ad attuare questo progetto in ambito scolastico (anche a distanza).
Paidea propone questo progetto alle scuole per insegnare ai ragazzi a progettare e programmare una smart city, ciò favorisce la loro formazione e lo sviluppo di competenze reali, avvicinandoli al mondo del lavoro in un contesto affascinante, innovativo ed attuale, ma anche divertente.
Tale progetto è adatto anche per i PCTO, sia in presenza che on-line.
Per quanto riguarda il percorso in presenza, è possibile acquistare la città ed il robot, per quanto riguarda il percorso on-line, invece, è possibile acquistare ad un costo inferiore uno starter kit per programmare a distanza.
Hai bisogno di più informazioni sui PCTO online?
Oppure,

Roobopoli all'università

Il progetto Roobopoli è stato introdotto anche all'università da alcuni professori.
Il Prof. Rosario Schiano Lo Moriello, docente del corso “Sᴇɴsᴏʀ ᴅᴀᴛᴀ ғᴜsɪᴏɴ ᴀɴᴅ ᴍᴇᴀsᴜʀᴇᴍᴇɴᴛ ᴜɴᴄᴇʀᴛᴀɪɴᴛʏ ᴍᴀɴᴀɢᴇᴍᴇɴᴛ” per il corso della Laurea Magistrale in 𝘼𝙪𝙩𝙤𝙣𝙤𝙢𝙤𝙪𝙨 𝙑𝙚𝙝𝙞𝙘𝙡𝙚 𝙀𝙣𝙜𝙞𝙣𝙚𝙚𝙧𝙞𝙣𝙜 di Ingegneria Industriale, presso l’Università Federico II di Napoli, ha deciso introdurre il progetto Roobopoli come supporto alla didattica in laboratorio.

Il Professore Schiano spiega così la scelta di Roobopoli. “Da tempo utilizziamo nei nostri corsi sensori e microcontrollori di STMicroelectronics NV e nel corso tratteremo argomenti quali sensori MEMS di temperatura, pressione, accelerometri, giroscopi, magnetometri, tutti sensori già disponibili nell’elettronica del Rᴏᴏʙᴏᴋᴀʀᴛ. Questo mi consente di realizzare laboratori dove gli studenti hanno la possibilità di accedere e sperimentare tali tecnologie su tematiche attuali,come sᴍᴀʀᴛ ᴄɪᴛʏ e ᴀᴜᴛᴏɴᴏᴍᴏᴜs ᴅʀɪᴠɪɴɢ. Inoltre ho la possibilità di far sperimentare l’implementazione di filtri utili al tema principale del corso, ossia il 𝙨𝙚𝙣𝙨𝙤𝙧𝙨 𝙛𝙪𝙨𝙞𝙤𝙣. Il codice open source del progetto fa già uso di alcuni filtri per la stima dell’assetto del Roobokart; noi svilupperemo e testeremo un filtro di Kalman dopo averne affrontato gli aspetti teorici in aula. La possibilità di testare il codice in Roobopoli dà un valore aggiunto notevole per l'apprendimento, a differenza di quanto generalmente avviene in ambienti simulati”.

Inoltre in diverse università campane sono stati realizzati hachaton si nell'ambito delle attività di orientamnto in entrata sia per stimolare la curiosità degli studenti universitari che sono stati impegnati nel risolvere missioni e problematiche della città affidata loro per l'occasione.