Un corto per spiegare la guerra ai bambini

La guerra non è mai giustificabile ma purtroppo è ancora una realtà vicina, che distrugge la vita di tantissime persone, di famiglie e di intere generazioni.

Oltre alle perdite umane e al dolore per la scomparsa dei propri cari, la guerra lascia segni indelebili.Il rumore delle bombe e degli spari, le grida nelle strade, le fughe per mettersi in salvo, la distruzione di tutto ciò che ci circonda,  sono immagini che hanno un forte impatto, in particolari sui bambini. Purtroppo ancora oggi tanti bambini continuano a pagare le conseguenze delle guerre. Spiegare cosa significa trovarsi in un paese colpito dalla guerra è difficile quanto necessario, affinché le prossime generazioni vengano educate a non considerarla un'opzione. A volte la musica e le immagini dicono molto di più delle parole, per questo vogliamo consigliarvi “Mila“, un corto animato che racconta la guerra vista attraverso gli occhi di una bambina.

Mila: un corto sulla guerra

Immagine di Ufficio Stampa Provincia Trento

Mila è una bambina che ha perso tutto a causa della guerra: la sua famiglia, la sua casa e la spensieratezza della sua età. Nonostante ciò, si aggrappa alla speranza. Grazie alla sua fantasia e bontà d'animo riesce ad andare avanti, incontrando una sconosciuta che le salverà la vita. Il corto è ispirato a fatti realmente accaduti a Trento nel 1943, quando il capoluogo trentino, occupato dall'esercito del Terzo Reich, fu bombardato dagli alleati. La protagonista in realtà rappresenta tutti i bambini, di qualsiasi guerra e di qualsiasi epoca.

Il film è disponibile su Raiplay ed è visibile gratuitamente collegandosi a questo link.

La sua particolarità è che la narrazione non presenta dialoghi ma solo musica, attraverso cui vengono evocate le emozioni più profonde della bambina; proprio per questo è adatto anche agli studenti della scuola primaria. “Mila" può essere un ottimo spunto per affrontare questa tematica in classe, soprattutto alla luce di ciò che sta accadendo in questi giorni, per comprendere perché la guerra è sbagliata e perché bisogna dire:

NO ALLA GUERRA!

Un progetto ambizioso contro la guerra

La pellicola è stata realizzata da Cinzia Angelini, animatrice affermata sulla scena internazionale che collabora con studi come Dreamworks, Disney Animation Studios, Warner Bros e Illumination Entertainment e che ha dato vita a classici come Balto, Cattivissimo Me 3, Il Principe d'Egitto, Minions, Spider-man 2 e Spirit. 

L'obiettivo di questa pellicola è quello di mostrare la forza e la resilienza dei bambini e di spingere gli spettatori a riflettere sul reale costo della guerra, in termini di sofferenza e vite umane. Per realizzare “Mila" ci sono voluti ben dieci anni e il progetto ha coinvolto circa 350 artisti e volontari da oltre 35 Paesi tra cui Italia, Francia, Spagna, Russia, Messico, Argentina, Brasile, India, Malesia e tanti altri.