Tra arte e coding: i cerchi di Kandinskij